+39 06 39743494
·
mario.brancaleoni@gmail.com
·
Lun - Ven 10:00-18:00
+39 06 39743494
·
mario.brancaleoni@gmail.com
·
Lun - Ven 10:00-18:00

Procura alla lite rilasciata da legale rappresentante di ente pubblico cessato dalla carica. Conseguenze sull’intimazione di sfratto per finita locazione

Il Tribunale, dopo aver constatato che alla data del rilascio della procura al difensore il legale rappresentante dell’ente pubblico era già cessato dalla carica, ha dichiarato nullo il mandato alla lite ed inammissibile l’intimazione di sfratto per finita locazione.
Nel caso in esame, il convenuto ha eccepito in via preliminare la carenza di rappresentanza del legale rappresentante dell’ente intimante provando che alla data del rilascio della procura alla lite – desunta dalla data del ricorso – il medesimo era già cessato dalla carica. Pertanto, il Tribunale di Roma ha dichiarato nullo il mandato alla lite per carenza di rappresentanza del legale rappresentate dell’ente rendendo così inammissibile l’intimazione di sfratto per finita locazione, che pertanto dovrà essere riproposta.


Per ulteriori chiarimenti chiama il n. +39 06 39743494 oppure invia una mail a mario.brancaleoni@gmail.com

Related Posts

Leave a Reply

Articoli recenti

responsabilità banca mancata informazione rischi investimento
RESPONSABILITA’ DELLA BANCA PER MANCATA INFORMAZIONE SUL RISCHIO DELL’INVESTIMENTO
14 Settembre 2022
nella separazione dei genitori occorre tutelare i figli
LA SEPARAZIONE CONSENSUALE DEI CONIUGI CON LA NEGOZIAZIONE ASSISTITA
13 Settembre 2022
LA PENSIONE DI REVERSIBILITÀ: SI ALLARGA LA PLATEA DEI BENEFICIARI ALLA LUCE DELL’ULTIMA GIURISPRUDENZA E DELLE CIRCOLARI INPS
22 Aprile 2022